Il POF del Foscarini -> Greco (Ginnasio)
Greco (Ginnasio)
Finalità e obiettivi
prof. Marcello Madaro - Metodologia

FINALITÀ

L'insegnamento di greco promuove e consolida:

  1. l'accesso diretto al segmento più antico della cultura occidentale;
  2. la consapevolezza della propria identità culturale attraverso il recupero di radici e di archetipi storico-culturali;
  3. la formazione delle categorie che permettono l'analisi del patrimonio mitico, artistico, letterario, filosofico, politico e scientifico;
  4. il senso storico del sorgere e del formarsi della civiltà europea;
  5. l'abilità esegetica e traduttiva;
  6. la competenza linguistica nell'uso dell'italiano, del latino e delle lingue straniere;
  7. la capacità di dare trasparenza a concetti e termini dei singoli saperi;
  8. l'uso consapevole dei moderni linguaggi settoriali.

 

Per la funzione che la civiltà greca ha svolto nella sua evoluzione continua ancora a svolgere nella costituzione dell'immaginario, dell'universo concettuale e del lessico, lo studio del greco, nella dialettica di un rapporto continuità alterità, consolida l'identità culturale, in rapporto a sé e alle realtà contemporanee. Inoltre, attraverso la conoscenza di un significativo cornplesso di miti dalle rilevanti implicazioni antropologiche e di una vicenda di confronto e scambio con i popoli vicino oriente e dell'intero bacino mediterraneo che i testi e la lingua dei Greci registrano, è possibile per lo studente verificare e comprendere il formarsi della civiltà europea.

La capacità di decodificare i testi, collocati nella complessità dei loro referenti storico-culturali, costituisce lo strumento privilegiato di accesso a questo patrimonio di civiltà e rappresenta, nel tempo stesso, un contributo rilevante all'educazione linguistica globale: lo studio del greco, infatti, si integra con quello dell'italiano, del latino e delle lingue straniere per il modello linguistico e retorico di descrizione e per i metodi di analisi del testo, ma rispetto a queste lingue rappresenta, fin, dall'alfabeto, una possibilità contrastiva, che costituisce un ulteriore opportunità analitica e comparativa per lo sviluppo delle capacità logico linguistiche dello studente. In particolare, attraverso processi aperti, che in parte contrastano con l'automatismo e la velocità richiesti dalla competenza produttiva/ricettiva, di una lingua moderna, lo studio del greco promuove e affina una serie di operazioni quali l'interpretazione e la decodificazione del testo, la selezione lessicale, la contestualizzazione e la ricodificazione, operazioni che si configurano di per sé come metodo di indagine critico e scientifico.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Al termine del biennio lo studente deve dimostrare di essere in grado di comprendere e tradurre un testo greco e in particolare:

1 .l. individuare gli elementi costitutivi del testo e le loro relazioni;

    1. identificare elementi utili alla sua contestualizzazione;
    2. 1.3. istituire rapporti tra le informazioni fornite dal testo e quelle ricavate dallo studio della civiltà greca;

      1.4. giungere, sulla base degli elementi testuali e contestuali rilevati, alla stesura di una traduzione;

      2. individuare, analizzare e organizzare sistematicamente strutture e meccanismi della lingua greca e in particolare

      2.1. identificare e spiegare fenomeni del livello morfosintattico;

      2.2. individuare rapporti di derivazione di aggregazione nel campo semantico-lessicale.