Il POF del Foscarini -> Il curricolo
Religione
---

L'insegnamento della Religione Cattolica nella scuola italiana trova fondamento giuridico nella legislazione di carattere concordatario, che prevede che in tutte le scuole pubbliche italiane siano riservate lezioni settimanali (un’ora per la scuola secondaria di primo e secondo grado) all’insegnamento della religione cattolica.. Gli studenti possono decidere se avvalersi o non avvalersi di tale insegnamento. All’atto dell’iscrizione alla scuola è infatti richiesto espressamente l’esercizio di questa opzione, che vale per tutti i cinque anni di corso; lo studente può però, all’inizio di ogni anno scolastico, modificare l’opzione. In ogni caso non è possibile modificare l’opzione ad anno scolastico iniziato.

Obiettivi specifici di apprendimento

(nell'ambito delle indicazioni nazionali)
Ginnasio
Abilità:
Confrontare aspetti della propria identità con modelli di vita cristiana;
  • Individuare la specificità della salvezza cristiana e confrontarla con quella di altre religioni;
  • Analizzare nell'Antico e nel Nuovo Testamento le tematiche preminenti, i personaggi più significativi, la figura di Maria;
  • Individuare in Gesù Cristo i tratti fondamentali della rivelazione di Dio, fonte della vita e dell'amore, ricco di misericordia;
  • Riconoscere lo sviluppo della presenza della Chiesa nella società e nella cultura: dall'origine fino al medio evo;
  • Confrontare la novità della proposta cristiana con scelte personali e sociali presenti nel tempo;
  • Specificare l'interpretazione della vita e del tempo nel cristianesimo, confrontandola con quella di altre religioni.
    Conoscenze:
  • Le più profonde domande sul senso della vita; desideri e attese del mondo giovanile, identità personale ed esperienza religiosa;
  • Le grandi linee della storia biblica; la conoscenza delle fonti essenziali: la Bibbia, documento fondamentale per la tradizione ebraico-cristiana, metodi di accostamento;
  • Gli elementi fondamentali che qualificano il senso religioso: l’uomo “immagine e somiglianza” di Dio persona;
  • I tratti fondamentali del mistero di Dio nella rivelazione dell’Antico e Nuovo Testamento: Creatore e Signore;
  • L’identità storica di Gesù nel contesto culturale del suo tempo; il Figlio di Dio si è fatto uomo: vita, annuncio del Regno, morte e risurrezione, mistero della sua persona nella comprensione della Chiesa;
  • La Chiesa mistero e istituzione: dalla Chiesa degli apostoli alla diffusione del Cristianesimo nell’area mediterranea e in Europa.

    Obiettivi specifici di apprendimento del secondo biennio

    Abilità:
  • Riconoscere i diversi atteggiamenti dell'uomo nei confronti di Dio e le caratteristiche del metodo della fede;
  • Argomentare una risposta a critiche ed obiezioni formulate sulla credibilità della religione cristiana;
  • Applicare criteri ermeneutici adeguati ad alcuni testi biblici, in particolare a quelli relativi agli eventi principali della vita di Gesù;
  • Identificare nella storia della Chiesa dal medio evo all'epoca moderna nodi critici e sviluppi significativi;
  • Cogliere in opere d'arte (architettoniche, figurative, letterarie e musicali...) elementi espressivi della tradizione cristiana;
  • Individuare il rapporto fra coscienza, verità e libertà nelle scelte morali dei cattolici;
  • accogliere, confrontarsi e dialogare con quanti vivono scelte religiose ed impostazioni di vita diverse dalla propria. Conoscenze:
  • Le motivazioni della fede cristiana in rapporto alle esigenze della ragione umana, ai risultati della ricerca scientifica e ai sistemi di significato più rilevanti;
  • I linguaggi dell’uomo: scientifico, ideologico, simbolico, morale, mitologico. Dio, la religione e le religioni tra rivelazione e critica della ragione; origine e significato della fede cristiana nell’Unità e Trinità di Dio;
  • La Chiesa e l’impero, gli stati nazionali, le democrazie e la modernità. La riforma della Chiesa, il concilio di Trento, divisioni tra cristiani, la ricerca dell’unità. Evangelizzazione di nuovi popoli: rapporto tra fede e cultura locale;
  • L’immagine di Dio presentata da Gesù nei suoi insegnamenti: il Regno, il Padre Nostro, segni e miracoli, le parabole, il perdono dei peccati. Gesù nella ricerca moderna: corrispondenza ed unità tra il “Gesù della storia” e il “Cristo della fede”;
  • Il concetto di coscienza e di moralità.

    Obiettivi specifici di apprendimento dell'ultimo anno

    Abilità:
  • Riconoscere in situazioni e vicende contemporanee modi concreti con cui la Chiesa realizza il comandamento dell'amore;
  • Riconoscere le linee di fondo della dottrina sociale della Chiesa e gli impegni per la pace, la giustizia e la salvaguardia del creato;
  • Individuare i percorsi sviluppati dalla Chiesa Cattolica per l'ecumenismo e il dialogo interreligioso;
  • Motivare le scelte etiche dei cattolici nelle relazioni affettive, nella famiglia, nella vita dalla nascita al suo termine. Conoscenze:
  • La Chiesa di fronte ai conflitti e ai totalitarismi del XX secolo;
  • La dottrina sociale della Chiesa: la persona che lavora, i beni e le scelte economiche, l'ambiente e la politica;
  • La ricerca di unità della Chiesa e il movimento ecumenico;
  • Uomo e donna nella creazione e nei vangeli; l’amore come sacramento; mutamenti sociali e crisi della morale tradizionale; l'insegnamento della Chiesa sulla vita, il matrimonio e la famiglia;
  • Il dialogo interrreligioso e il suo contributo per la pace fra i popoli.

    METODOLOGIE

    La programmazione è attuata tenendo presenti le esigenze e le caratteristiche del percorso formativo degli allievi, tenendo conto, poi, degli approcci diversi e dei contributi offerti dalle altre discipline di insegnamento. I contenuti svolti durante la lezione frontale sono approfonditi attraverso un’attenzione ai processi di crescita, di maturazione, alle esigenze dei singoli allievi; ai quali è offerta, attraverso il dialogo educativo in classe, la possibilità di confrontarsi, di paragonare le loro conoscenze con la realtà che incontrano per approfondire le conoscenze personali e discutere eventuali pre-giudizi o luoghi comuni.
    Nel rispetto della natura, finalità, obiettivi, contenuti dell’insegnamento della religione Cattolica, si attuano modelli che tengono conto di prospettive diverse ed insieme complementari: la prospettiva biblica, teologica, antropologica, storico-artistica.

    MATERIALI DIDATTICI

    Nel processo didattico, avendo come riferimento il libro di testo (“Scuola di Religione”, di Luigi Giussani, ed. S.E.I.), sono reperiti e utilizzati vari documenti (biblici, ecclesiali, letterari, storicoculturali) e materiali multimediali per assicurare riferimenti chiari e fondativi circa i contenuti dell’insegnamento della Religione Cattolica e per stimolare la partecipazione attiva degli allievi.

    TIPOLOGIE DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE

    Per verificare il grado di apprendimento degli allievi, le loro capacità di analisi e sintesi sono considerati il dialogo educativo in classe, l’interesse e la partecipazione durante l’approfondimento delle tematiche del corso. Ci si avvale anche di verifiche orali brevi su specifiche tematiche o su lavori di ricerca personalizzati