Storia del liceo - Hanno insegnato al Foscarini - Presidi e Rettori del Foscarini
Luigi Sante Da Rios
Aureliano Faifofer

Luigi Sante Da Rios
Per gentile concessione della famiglia Da Rios - Schenkel
Nato a S.Lucia di Piave (TV) il 2 aprile 1881 studia matematica all'Università di Padova laureandosi nel 1906, e vi rimane come assistente fino al 1911. Ottiene anche una laurea in ingegneria civile nel 1913 e una libera docenza in Meccanica Razionale nel 1916. I suoi lavori di fluidodinamica non sono però sufficienti a garantirgli una cattedra universitaria e dal 1911 passa a insegnare matematica e fisica nelle scuole superiori a Padova, Milano e Piacenza.
Nel 1932 ottiene l'incarico di preside del R.Istituto tecnico di Lovere, poi nel 1933 va a dirigere l'Istituto magistrale di Lodi e nel 1934 l'Istituto magistrale di Brescia.
Nel 1937 ottiene la presidenza del Foscarini e al Foscarini resta fino al raggiungimento della pensione nel 1951. L'essere preside non gli impedisce di mantenere vivi i suoi interessi per la fisica a livello universitario; già nel 1938 ottiene l'incarico di meccanica razionale presso l'Istituto Superiore di Architettura di Venezia (oggi IUAV).
Dallo stato del personale del Liceo risultano «N. 60 pubblicazione antecedenti al 1937 costituite da memorie o note o articoli inserite negli Atti di Accademie o Società scientifiche o Riviste e da libri di testo per scuole medie».
Il suo lavoro più conosciuto resta comunque la memoria del 1906 «Sul moto d'un liquido indefinito con un filetto vorticoso di forma qualunque», nella quale anticipava idee che si sarebbero afferamate solo molti anni più tardi, ma anche i suoi studi aereonautici sulle elice intubate sono di primaria importanza.
Nel 1944 in piena Repubblica di Salò l'incidente più grave della sua carriera: il 22 marzo 1944 viene improvvisamebte destituito e trasferito al liceo di Cremona come insegnante di matematica e fisica; a luglio viene reintegrato come preside ma solo per essere trasferito il 13 settembre alla presidenza del Liceo Ginnasio di Rovigo per "motivi di servizio" con l'intesa che sarebbe comunque rimasto allo IUAV di Venezia; non sembrano esservi dubbi che i motivi fossero in realtà politici, vuoi il non aver promosso il figlio di un gerarca, vuoi l'aver tollerato attività antifasciste nella scuola.
Alla fine della guerra il 13 ott 1945 il provveditorato comunica che "essendo da considerare nulli i provvedimenti adottati dall'ex-governo repubblicano" il Da Rios è da considerarsi ancora preside del Foscarini e lo invita a riassumere la presidenza del liceo, che manterrà fino al conseguimento della pensione nel 1951.
Muore a Padova nel 1965.


Opere di Luigi Sante Da Rios [reperibili su SBN]



Fonti bibliografiche e collegamenti